Premessa: la farina, per essere impastata senza ottenere solo una “polentina”, deve prima essere denaturata e anche questa operazione può essere agevolmente fatta con il cuco.

Ieri vi ho descritto come fare la farina di lenticchie rosse con il nostro Companion, oggi vi spiego come trasformarla in gustosissima pasta, adatta anche a celiaci o vegani.

Pasta proteica di lenticchie rosse, My CuCo

Farina di lenticchie rosse, appena fatta

Una volta ottenuta la farina (se dovete farne grandi quantità vi conviene munirvi di un “mulino“), dovete denaturarla, ovvero (senza stare a fare tante spiegazioni, ma se volete approfondire potete leggere qui) trasformare le sue proteine in modo che legandosi coi liquidi si crei un reticolo simile a quello del glutine, che ci permette di impastarla.

La parola fa un po’ “paura” e già si pensa a qualche “intruglio chimico”, non vi preoccupate: basta scaldare la farina per alcune ore a 85-90° ed è denaturata e pronta per essere usata.

Pasta proteica di lenticchie rosse, My CuCo

Farina di lenticchie rosse denaturata

Quindi, prima di tutto, denaturiamo la farina: nel cuco con accessorio per montare, vel 1, 90° per 3-4 ore a seconda della quantità che state lavorando. Tappino chiuso con aletta bassa dietro e ricordatevi di riavviare il cuco dopo 2 ore.
La stessa operazione la potete fare in forno, con la farina stesa sulla placca (massimo 1 kg per vassoio) e sempre 90° per 3-4 ore.

Passato il tempo, togliete il tappino e lasciare che finisca anche il ciclo di mantenimento in caldo. Mi raccomando non lasciate il tappino o l’inevitabile condensa gocciolerà sulla farina e ve la inumidirà. Quindi appena stoppate, togliete anche il coperchio.

La farina denaturata la potete conservare in barattoli di vetro con coperchio o sacchetti di carta per il pane.

Passiamo a come fare la pasta. che può essere impastata sia con acqua che con uova.

La proporzione è un uovo medio ogni 100g di farina o 50-60ml di acqua, sempre ogni 100g di farina di legumi.

Pasta proteica con farina di lenticchie (ma anche con altri legumi) con Cuisine e i-Companion Moulinex
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Print Recipe
Add to Shopping List
This recipe is in your Shopping List
Porzioni Tempo di preparazione
3 porzioni 15 minuti
Tempo di cottura Tempo Passivo
2-3 minuti 30 minuti
Porzioni Tempo di preparazione
3 porzioni 15 minuti
Tempo di cottura Tempo Passivo
2-3 minuti 30 minuti
Pasta proteica con farina di lenticchie (ma anche con altri legumi) con Cuisine e i-Companion Moulinex
Voti: 0
Valutazione: 0
You:
Rate this recipe!
Print Recipe
Add to Shopping List
This recipe is in your Shopping List
Porzioni Tempo di preparazione
3 porzioni 15 minuti
Tempo di cottura Tempo Passivo
2-3 minuti 30 minuti
Porzioni Tempo di preparazione
3 porzioni 15 minuti
Tempo di cottura Tempo Passivo
2-3 minuti 30 minuti
Ingredienti
Porzioni: porzioni
Istruzioni
  1. Nel cuco con lama impasti ho messo la farina e il pizzico di sale.
    Pasta proteica di lenticchie rosse, My CuCo
  2. Ho avviato Pastry P1 e aggiunto l'acqua a filo. Non aggiungetela tutta insieme e appena si forma la palla, nel caso smettete di aggiungerla.
    Pasta proteica di lenticchie rosse, My CuCo
  3. Dopo 1 minuto.
    Pasta proteica di lenticchie rosse, My CuCo
  4. A fine impasto (forse dovevo aggiungere appena un po' di acqua in meno).
    Pasta proteica di lenticchie rosse, My CuCo
  5. Ho formato a mano la palla, l'ho chiusa nella pellicola trasparente e messa in frigo a riposare per almeno mezz'ora (io avevo da fare e la pasta è stata in frigo 3 ore).
    Pasta proteica di lenticchie rosse, My CuCo
  6. Io per tirare la pasta ho usato la macchina elettrica e ho fatto delle semplici tagliatelle, ma potete farlo a mano o se avete un pastamaker potete provare ad estruderla in vari formati.
    Pasta proteica di lenticchie rosse, My CuCo
  7. Ho cotto in abbondante acqua salata per circa 2 minuti, aggiungendo un cucchiaino di olio per aiutare le tagliatelle a non attaccarsi.
    Pasta proteica di lenticchie rosse, My CuCo
  8. Ho condito la pasta con pochissimo olio evo e semi di papavero, ma ovviamente potete condirla come preferite.
Recipe Notes

Una volta formata la pasta, se volete conservarla, il modo migliore è congelarla subito e cuocerla ancora da congelata, come si fa per gli gnocchi, contando i 2 minuti da quando riparte il bollore.

Il procedimento con le uova è identico, se l'impasto dovesse risultare troppo secco, si può aggiungere pochissima acqua.

Nota per chi usa pastamaker: l'impasto debe essere stile grattini, quindi più asciutto. Seguite le istruzioni della macchina

Condividi questa Ricetta

Pin It on Pinterest

Shares
Share This