La vaporiera opzionale è veramente bella grande e mi sono subito voluta togliere lo sfizio di fare il riso al vapore, usando un contenitore di acciaio che già avevo (e che non è compreso nel set della vaporiera) che nella vaporiera interna non sarebbe mai entrato. Qualche mese fa avevo già provato a fare il riso direttamente nella pentola del CuCo, qui trovate la ricetta.

  • 200g di riso basmati ben lavato
  • tanta acqua da coprire il riso nel contenitore di 2 cm
  • pizzico di sale
  • 25 minuti cottura
  • 10 minuti riposo

Ho lavato più volte il riso in acqua fredda. Più lo lavate e più il riso sarà sgranato e ben separato a fine cottura.

Ho inserito il riso nel mio recipiente di cottura, coprendolo con circa 2cm di acqua. Ho aggiunto un pizzico di sale e mescolato delicatamente. Usate il sale con cautela, ne basta veramente poco.

Ho inserito 700ml di acqua della pentola del CuCo, messo il coperchio senza tappino e sopra ho appoggiato il raccoglisucco, il cestello con dentro il mio contenitore con riso, acqua e sale e messo il coperchio alla vaporiera.

Ho impostato il programma Steam abbassando il tempo di cottura a 25 minuti. Per il riso nostrano (che è più “cicciotto”) lasciate 30 minuti.

In circa 7 minuti il tutto va in temperatura. Col riso, sul coperchio e all’interno della vaporiera si forma pochissima condensa e esce pochissimo vapore.

Dopo 7 minuti

Dopo 7 minuti

A fine cottura ho lasciato riposare 10 minuti e infine ho sgranato il riso.

Infine per pulire la pentola dai residui di calcare, ho sciacquato velocemente e coperto il fondo con un filo di aceto di vino bianco, lasciato agire per pochi minuti e risciacquato.

Per chi se lo chiedesse, ecco come appaiono la vaporiera, il raccoglisucco e il coperchio del Cuisine Companion dopo la cottura:

Non fate caso all’incrinatura sul coperchio (quella c’è da un bel po’, dopo una caduta qualche mese fa).

Note: raccoglisucco, vaporiera e relativo coperchio diventano molto caldi e non si possono toccare se non usando gli appositi manici che restano tiepidi e toccabili senza alcun problema. Il raccoglisucco è comunque caldo anche nella zona predisposta per il contatto, quindi meglio aspettare qualche minuto a maneggiarlo.

 

Moglie, mamma e nonna, appassionata di cucina e di tecnologia, divido il mio tempo tra il lavoro (quello che mi dà da mangiare), la famiglia e questo blog in cui trascrivo tutti i piatti che preparo con il mio Companion Moulinex.
Tutte le ricette che trovi in queste pagine sono state prima testate e provate da me e sono frutto di ore di tentativi e “pasticci” fatti prima di arrivare alla ricetta pubblicata, ti chiedo solo di condividerle tenendo conto del tempo che ci ho dedicato.

Seguimi sui social, metti un “like” alla mia pagina su fb e iscriviti al canale youtube per seguire le mie ricette 🙂

Pin It on Pinterest

Shares
Share This